’azienda che ha rivoluzionato il mondo della tecnologia, questa è la Apple. I due fondatori, Steve Jobs e Steve Wozniak si sono conosciuti ai tempi della scuola, condividendo la passione per l’elettronica. Il primo progetto a cui lavorarono insieme i due ragazzi fu la “Blue Boxe”, ovvero un dispositivo che consentiva di effettuare chiamate in modo completamente gratuito. Mentre Woz era impegnato nella progettazione di questo dispositivo, Jobs si occupava della sua commercializzazione, riuscendo a venderlo a un buon numero di persone.

Circa nel 1975 Jobs e Woz incominciarono la realizzazione del progetto del primo computer, quasi esclusivamente sulla carta, dato che i processori allora sul mercato avevano un costo di circa 170 dollari, troppo alto per le loro possibilità. Nel 1976 il primo computer, chiamato “Apple I” venne terminato da Woz e, come si verificò per il dispositivo Blue Boxe, Jobs si occupò della sua commercializzazione.

Quello fu solo il primo step e, passo dopo passo – non senza difficoltà – nacque la leggenda che oggi rappresenta Apple. Lo scorso anno la società comunicato il proprio fatturato che è di circa 63 miliardi di dollari, con un utile netto di 14,13 miliardi di dollari e con un utile per azione di 2,91 dollari. Numeri che dimostrano l’enormità di questa azienda che ogni anno produce oggetti tecnologici pressoché perfetti.

 

Ma quali sono i prodotti Apple più acquistati?

A dodici anni dal lancio del primo smartphone Apple, resta ancora questo uno dei prodotti più venduti dall’azienda di Cupertino. Il 63% dei 216 miliardi di dollari del fatturato dello scorso anno è merito delle vendite di iPhone. Tuttavia il prodotto che nel 2007 aveva strappato espressioni di sorpresa e urla di eccitazione, e che per anni ha spinto migliaia di appassionati ad accamparsi fuori dagli Apple store per accaparrarsi l’ultimo modello, non è più un unicorno.

Sebbene Cupertino difenda il primato dei modelli più amati sul mercato e i suoi iPhone 6 e 6 Plus — con 220 milioni di unità commercializzate — siano il terzo cellulare più venduto nella storia del settore, i concorrenti hanno saputo contendere quote di mercato ad Apple.

C’è un dato curioso che però è da prendere in considerazione. Il prodotto ad aver venduto più rapidamente nei suoi primi due anni di vita è stato iPad, seguito dalle AirPods, mentre iPhone è solo al terzo posto. Apple Watch, che è un prodotto che tra i più considerati per gli acquisti online, si posiziona in quarta posizione a causa di un rallentamento registrato all’inizio del suo secondo anno, mentre iPod è in ultima posizione con una curva che mostra una crescita estremamente lenta. Ovviamente questo dato, per quanto molto interessante, deve essere contestualizzato per evitare fraintendimenti. Parliamo infatti di prodotti tutti molto diversi tra loro, nati in epoche e in modalità che non possono essere paragonate tra loro. Le AirPods sono giunte nel 2016 in occasione della presentazione di iPhone 7 e 7 Plus, mostrandosi come l’unica reale alternativa in grado di sopperire a scelte coraggiose. Nonostante la carenza di scorte iniziali, le cuffiette di Apple si sono rapidamente imposte e sono diventate l’accessorio di maggior successo lanciato dalla società californiana negli ultimi anni. Oggi le AirPods hanno alle spalle oltre 25 milioni di unità vendute nei primi 24 mesi di vita, e questa cifra potrebbe raddoppiare alla fine del 2019 con il lancio della prossima generazione.

Ma Apple è anche l’azienda degli smartwatch, gli orologi intelligenti. Secondo la ricerca condotta da Counterpoint Research, le spedizioni di questi dispositivi nel primo trimestre dell’anno sono aumentate del 49% rispetto allo stesso periodo nel 2018. C’è però un fattore che pare non cambiare negli anni, ed è il dominio assoluto di Apple, capace di raggiungere più del 35% di market share (dominio di mercato), a più di 20 punti percentuale dal secondo produttore, Samsung – che può comunque sorridere, dato che passa dal 7 all’11%. Secondo la ricerca condotta da CounterpointResearch, le spedizioni di questi dispositivi nel primo trimestre dell’anno sono aumentate del 49% rispetto allo stesso periodo nel 2018. C’è però un fattore che pare non cambiare negli anni, ed è il dominio assoluto di Apple, capace di raggiungere più del 35% di market share (dominio di mercato), a più di 20 punti percentuale dal secondo produttore, Samsung – che può comunque sorridere, dato che passa dal 7 all’11%.

L’Apple Watch Series 4 è dunque rimasto nelle grazie di molti, e gli sforzi di Apple, soprattutto nella sfera health, paiono dare i propri frutti. Non male neanche Huawei Watch GT, protagonista dell’ingresso in classifica di Huawei, ora vicino al 3% di market share.

Il successo dell’azienda di Cupertino è quindi la qualità dei prodotti. Ma non solo. Il mercato dimostra come gli utenti e gli appassionati amino la variazione dei prodotti introdotti sul mercato. È così che gli Air Pods, gli smartwatch e gli iPad riescano a fare breccia nel mercato come e più degli smartphone. Un successo clamoroso destinato a durare ancora molto nel tempo.

 

Advertise

TU COSA NE PENSI?