È stata da poco pubblicata una serie di benchmark effettuata su molti device Apple, con la quale si dimostra che l’azienda di Cupertino non applica la strategia aziendale dell’obsolescenza programmata. Una bella notizia per tutti i clienti della Mela ed un colpo basso alla concorrenza.

A partire dal 2016, la società di benchmarking Futuremark ha iniziato ad effettuare dei test su vari dispositivi Apple rilasciati negli anni, con i rispettivi sistemi operativi che venivano man mano aggiornati alla versione più recente. Nel caso specifico parliamo di iPhone.

Cos’è l’obsolescenza programmata?

Prima di proseguire con la notizia in sé, è bene chiarire il concetto di obsolescenza programmata. Si tratta di una strategia aziendale, utilizzata soprattutto da aziende di elettronica, in cui si decide di definire il ciclo vitale di un prodotto prima della sua immissione sul mercato.

Questo permette di “rendere vecchio” un determinato prodotto, dopo un certo periodo di tempo, in modo da “costringere” gli utenti ad acquistare la nuova versione del prodotto ed ottenere maggiori guadagni.

I test della Futuremark

L’azienda ha effettuato oltre 100,000 benchmark sui dispositivi di Apple. Si parte da iPhone 5S. Il dispositivo rilasciato nel 2013, è stato sottoposto ai test a partire da aprile 2016 con iOS 9, passando ad iOS 10 nel settembre del 2016 fino ad iOS 11 durante settembre 2017. Ecco i grafici dei dati, rispettivamente della CPU e della GPU:

Come si può osservare, dopo 1 anno e 5 mesi, i punteggi sono rimasti pressoché invariati. Pubblicato gli stessi grafici, che rappresentano i dati dei medesimi test, anche per tutti gli iPhone successivi:

Si può osservare come i punteggi siano variati di molto poco e, in alcuni casi, anche aumentati rispetto al passato. Questo dimostra come Apple non renda appositamente obsoleti i propri dispositivi. A favore di questa tesi è la stessa Futuremark, che dichiara:

Our benchmarking data shows that, rather than intentionally degrading the performance of older models, Apple actually does a good job of supporting its older devices with regular updates that maintain a consistent level of performance across iOS versions.

È davvero una grande notizia per gli utenti fedeli ad Apple, che possono evitare di sentirsi “presi in giro” ed essere sicuri di acquistare e possedere un prodotto che durerà nel corso degli anni.

Advertise