In questo articolo, in continuo aggiornamento, vi elencheremo tutte le novità che Apple ha introdotto in iOS 14. Dopo più di qualche ora con la nostra hands-on con iOS 14 Beta, abbiamo scoperto alcune interessanti funzionalità che Apple non ha annunciato!

Picture in Picture (PiP):

Finalmente ci siamo! PiP è arrivato anche su iPhone. È la funzionalità che vi permette di minimizzare i video e/o continuarli a riprodurre anche in altre app o nella schermata home del vostro iPhone.

Questa funzionalità è stata introdotta su iPad l’anno scorso con iPadOS 13 e adesso le stesse potenzialità sono state implementate su iPhone.

Tecnicamente, gli sviluppatori che hanno implementato PiP su iPad non dovranno scrivere neanche una linea di codice per poter portare la suddetta funzionalità su iPhone e non saranno necessari aggiornamenti all’app per supportarla. Super conveniente non è vero?

Riconoscimento suoni

Questa è una delle funzionalità che non è stata presentata durante l’evento di ieri e fa parte di un set di strumenti utili a persone con problemi all’udito.

Nello specifico, è possibile abilitare o disabilitare il riconoscimento di una serie di suoni pre-impostati da Apple in iOS 14. Tra questi sono presenti: Fuoco, Sirena, Fumo, Gatto, Cane, Elettrodomestici, Clacson, Campanello, Qualcuno che bussa alla porta, Acqua che scorre, Bambino che piange, Urla.

Come funziona? iPhone cercherà costantemente di rilevare determinati suoni e, utilizzando l’intelligenza artificiale presente sul dispositivo, vi invierà una notifica quando potrebbe averli identificati.

Centro di controllo:

Il Centro di controllo riceve delle nuove scorciatoie, utili alla nuova funzionalità App Clips.

Nello specifico sono stati introdotti: Lettore tag NFC e Lettore codici QR. Come potrete immaginare, premendo il primo vi si aprirà un piccolo box che vi permetterà di leggere il tag NFC in prossimità, mentre il secondo vi aprirà una schermata simile alla fotocamera che vi permetterà di scansionare il codice QR.

Nuova icona di stato quando la fotocamera è in uso – ESCLUSIVA:

Alla luce dei continui problemi di privacy emersi in questi anni, per prima da Facebook che manteneva la fotocamera aperta a nostra insaputa. Apple ha pensato bene di introdurre una funzionalità software simile al pallino verde presente di canto alla fotocamera dei Mac.

Nello specifico, quando un app utilizzerà la fotocamera (che sia frontale o posteriore poco importa) un pallino verde apparirà nell’angolo destro della barra del menu in corrispondenza del campo cellulare.

Inoltre, nel centro di controllo apparirà un messaggio che informa che l’app sta utilizzando la fotocamera.

Doppio o triplo tap nel retro di iPhone:

Abbiamo scovato nelle accessibilità una nuova funzionalità che permetterebbe di assegnare alcune azioni di sistema che sarebbero lanciate in due particolari situazioni. O al doppio tocco del retro del nostro iPhone, o addirittura al triplo tocco.

Oltre alle azioni di sistema (alzare/abbassare il volume, scattare screenshot, Home etc) sarebbe possibile configurare perfino le shortcut ovvero le scorciatoie personalizzate che potete creare dall’app apposita.

Scrivere su TAG NFC:

Finalmente Apple ha “sbloccato” la possibilità di scrivere sui TAG NFC.

Sono dei minuscoli chip (circuiti integrati) collegati a un’antenna. Il chip ha un codice univoco e una parte di memoria riscrivibile. L’antenna permette al chip di interagire con un lettore NFC, come uno smartphone NFC.

Precedentemente il lettore NFC di iPhone offriva la possibilità di leggere il contenuto di questi chip, mentre con iOS 14 gli sviluppatori potranno creare app per scrivere il contenuto su di essi!

Nearby Interactions:

Con l’arrivo degli iPhone 11, Pro e Pro Max, Apple ha aggiunto un nuovo chip chiamato U1. Fino a oggi il chip U1 non viene utilizzato in nessun modo, ma con l’arrivo di iOS 14 si sbloccheranno tantissime funzionalità.

Stando a quanto riportato sul sito degli sviluppatori, un nuovo framework è stato reso disponibile per lo sviluppo di nuove app ed è stato chiamato: Nearby Interaction framework.

Questo nuovo framework permetterà di condividere distanza e direzione tra due o più dispositivi Apple dotati di chip W1. Cosa vuol dire questo? Potrete sapere con esatta certezza e precisione a che distanza e in che direzione è un altro dispositivo Apple che utilizza la stessa app.

Riconoscimento espressioni facciali su iPhone senza Face ID (sistema di camere True Depth):

Tutti gli iPhone con chip A12 saranno in grado di riconoscere le espressioni facciali, funzionalità che è stata unica fino a oggi ed esclusiva dei dispositivi dotati di Face ID proprio perchè era necessaria la camera True Depth.

Cosa vuol dire questo, gli sviluppatori potranno creare le app per i filtri facciali anche su iPhone senza Face ID, purchè siano dotati di chip A12 (iPhone SE 2020 per esempio).

[ARTICOLO IN CONTINUO AGGIORNAMENTO]

Advertise

TU COSA NE PENSI?