Sviluppo app ed università, in Italia, è un argomento piuttosto recente e casi legati al mondo iOS non sono così normali e conosciuti. Chiedendo tra la gente, probabilmente, l’unico caso che salta subito alla mente è il corso di Apple a Napoli o singoli corsi (non universitari). Esiste invece un’altra realtà a cui Italiamac ha avuto il piacere di partecipare. Tale realtà è lo IED di Milano (Istituto Europeo di Design).

 

 

Prima dell’invito ufficiale a presenziare alle tesi 2017 lo IED nell’immaginario dei più rappresenta una scuola adatta a coloro che vogliono investire la propria formazione nella Moda, Interior Design, Industrial Design o Car Design (sede di Torino) ma difficilmente si pensa a tale università come sede per imparare a sviluppare e creare prodotti iOS; eppure la risposta è diversa dall’immaginario.

 

 

Durante la presentazione delle tesi e relativa discussione abbiamo avuto modo di osservare due gruppi (ASAP e Mhint) pronti a presentare due prodotti, due idee non solo sulla carta ma concreti. I prodotti da loro sviluppati rispettavano un design, un’idea concreta e soprattutto funzionavano. Parlando con docenti e coordinatori abbiamo saputo che l’accettazione e pubblicazione in App Store rappresenta un requisito d’accesso alla discussione di tesi; sicuramente un primo grado di sfida per questi ragazzi. In calce all’articolo troverete alcuni link a materiali di entrambe le tesi per cui vale la pena dargli lettura. Al termine delle tesi, inoltre, abbiamo saputo che uno dei gruppi è già operativo con una propria agenzia ed ogni ragazzo che esce da questo corso, di solito, lavora nel giro di pochissimo tempo. Tra i ricordi dei docenti vengono citati ragazzi come Marco Torretta o Claudio Bosco capaci di sviluppare non solo proprie idee ma anche proprie startup; e sono solo due nomi del vasto mondo di ragazzi usciti negli ultimi anni.

 

 

 

 

Successivamente alle due presentazioni, dove si è avuto modo di osservare ragazzi estremamente preparati a livello tecnico ma meno avvezzi al mondo dei Keynote abbiamo potuto approfondire il percorso di studi e scoprire cosa offre lo IED tramite il corso di Interaction Design.

 

 

Durante i tre anni i ragazzi vengono coinvolti in un percorso di crescita che li porta a conoscere l’approccio alla programmazione e al design; pur non trattando in profondità ogni argomento viene insegnato loro l’approccio e la metodologia più adatta a tale mondo. Imparano il web da ogni prospettiva passando per il gaming (tramite Unity sia per il 2D che 3D) e lo sviluppo nativo iOS ed anche Android; senza dimenticare l’interazione con Arduino elemento sempre più centrale nel mondo IoT in espansione. I progetti vengono affrontati in team e talvolta in collaborazione con studenti di altri corsi ma utili al progetto stesso (esempio Sound Designer o Illustratori). Affianco a tali argomenti si legano corsi teorici perché, va ricordato, pur essendo un università privata è legalmente riconosciuta e valida ai fini del raggiungimento dei 180 crediti.

 

 

 

 

Come avrete potuto leggere l’esperienza tesi IED è stata molto interessante e mi ha permesso di conoscere una realtà dove i ragazzi imparano un mondo sempre più in espansione e ancora piuttosto giovane, didatticamente parlando, qui in Italia.

 

 

Link utili:

Startup creata da Claudio Bosco

App (iniziale e di successo) di Marco Torretta

Attuale sito della sua agenzia

Tesi ASAP

Tesi Mhint

Agency creata dai ragazzi della tesi di Mhint

Corso Interaction Design allo IED di Milano

 

SPOT dello IED

Advertise

TU COSA NE PENSI?