Poche settimane fa Apple ha aggiornato le proprie Linee Guida relative all’App store e una delle novità introdotte ha creato un certo livello di scompiglio nel settore dei giochi con denaro vero e delle scommesse, anche se i migliori casinò online forse non hanno molto di cui preoccuparsi. 

In particolare, la nuova formulazione del punto 4.7, delle Linee Guida per gli sviluppatori, chiarisce che: “i giochi in HTML5 distribuiti nelle applicazioni non possono fornire accesso a scommesse fatte con denaro reale, a lotterie o a donazioni benefiche”, specificando anche che queste funzionalità saranno ammesse solo in codici che sono inclusi in quello binario e che può essere analizzato e valutato da Apple. 

 

Le regole hanno effetto immediato sulle app di nuova creazione, mentre per quelle già presenti nello Store ci sarà tempo fino al 3 settembre 2019 per adeguarsi. 

 

L’atteggiamento di Apple verso il gioco d’azzardo è sempre stato di presa di distanza e questa nuova regola sembra confermare la tendenza. In pratica, infatti, le società che voglio lanciare o comunque offrire app di gioco per dispositivi iOS (iPhone e Tablet) dovranno sviluppare app native, cioè create esclusivamente per questo tipo di sistema operativo. Gli operatori che offrono app per scommesse sportive, casinò online, poker, bingo, lotterie, Gratta&Vinci o ippica potranno scegliere di modificare le proprie applicazioni per rispettare le nuove regole oppure di rimuoverle dallo Store. 

Nella stragrande maggioranza dei casi, le app attualmente presenti nel negozio Apple sono infatti HTML5 “avvolti” in un contenitore nativo, perché questa soluzione è molto più rapida ed economica da creare, rispetto allo sviluppo di un’app di gioco completamente nativa. 

Gli operatori di grandi dimensioni come ad esempio LeoVegas casino, leader internazionale dei casino mobile, non avrà grossi problemi a costituire un team dedicato che possa sviluppare in soli 3 mesi un’app in grado di soddisfare le nuove regole ma aziende attive con una struttura meno importante potrebbero trovarsi in grande difficoltà. La data del 3 settembre non è infatti così lontana e la creazione di un’app nativa che sia anche perfettamente funzionante potrebbe richiedere uno sforzo di risorse che non tutti gli operatori saranno in grado di sostenere. 

Anche se questa notizia rappresenta un brutto colpo per buona parte del mercato del gioco via mobile, è vero anche che le app native garantiscono agli utilizzatori delle prestazioni migliori, un maggior grado di personalizzazione e una velocità di caricamento superiore.  

Coloro che hanno scaricato app HTML5 nel loro dispositivo mobile, potranno continuare a giocare al casinò o alle slot, anche dopo il 3 settembre, tuttavia non saranno disponibili aggiornamenti ed in questo modo Apple si aspetta che questa tipologia di prodotti lentamente sparisca dal mercato.  

Come dicevamo questo è un brutto colpo per le aziende di piccole dimensioni ed è una pessima notizia per i bookmaker americani, visto che la scadenza per l’entrata in vigore delle nuove linee guida sulle app esistenti precede solo di un paio di giorni l’avvio della nuova stagione NFL 2019. Le scommesse sportive via mobile ormai rappresentano una fetta consistente della raccolta complessiva e non avere un’app pronta sul mercato potrebbe essere un disastro economico per alcuni operatori. 

Già in passato Apple aveva dato segnali che l’atteggiamento verso le app che offrono giochi con denaro reale si sarebbe irrigidito ed il comportamento poco corretto di alcuni operatori non ha fatto altro che accelerare il processo. Sono infatti numerose le aziende che operano in mercati non-regolati come Cina e Norvegia che hanno approfittato delle app “contenitori” per distribuire prodotti che non rispettavano minimamente le regole di Apple. 

La piccola “guerra” mossa da Apple contro le app di gioco d’azzardo segue di pochi mesi l’annuncio del lancio di Apple Arcade un sistema di abbonamento  che consentirà agli utenti di giocare oltre 100 titoli arcade, pagando una sottoscrizione mensile. 

Advertise

TU COSA NE PENSI?